The Wizard Of Ra di Maurizio Morucci dal romanzo alla serie TV?

di Elvira Giannini

Per introdurre il romanzo The Wizard Of Ra di Maurizio Morucci (al suo esordio letterario. Film-maker, artista visivo, sceneggiatore con un particolare occhio alla cultura pop, si dedica alla progettazione grafica e alle immagini in movimento), si potrebbe usare la metafora usata da William Gibson, per descrivere l’anticipato e prefigurato concetto di cyberspazio: una storia “ambientata in un paesaggio urbanizzato, artificiale, e luci della città che si allontanano”. Il romanzo si posiziona in quel che si può definire il Postcyberpunk.
Il protagonista è RA, un giovane hacker in costante fuga dalla realtà che trova la sua ragion d’essere sdoppiandosi
tra un mondo virtuale parallelo, il cyberspazio, teatro delle sue battaglie esistenziali, e la ferocia del mondo
contemporaneo.

Lei ha imbastito la trama del suo romanzo pensando a una serie TV: quali contenuti ha voluto proporre alle produzioni cinematografiche?
” Al giorno d’oggi ci sono moltissime serie tv che hanno fatto breccia nel cuore di molti adolescenti e non. Ma un’opera così innovativa, come questa, non si era ancora vista sul mercato nazionale. È una serie apparentemente surreale e leggera che però nasconde dentro di sé un importante messaggio di sensibilizzazione: il futuro dell’intelligenza artificiale in rapporto alla società contemporanea e la difficile condizione giovanile al giorno d’oggi. Si tratta di una serie tv per chi ama l’azione e la tensione, un lavoro fresco e innovativo che può appassionare sia i giovani che gli adulti”.
Ci può raccontare la trama?
“In breve, tratta di un gruppetto di giovani, capitanato da RA, gestito da un uomo scaltro e intelligente, il misterioso Enderman, che progetta un importante sabotaggio informatico per arginare lo strapotere criminale dell’Intelligenza Artificiale, una organizzazione occulta che vorrebbe controllare il mondo intero. Scene di un futuro molto prossimo controllato dalla tecnologia che diventa tiranna e che influenza l’indole precaria dell’uomo”.
In effetti la scrittura è originale e interessante, ogni puntata è una narrazione che cattura l’attenzione e che affronta differenti problemi. La storia è coinvolgente ed il tutto è reso più interessante dalla accurata analisi dei personaggi e della loro travagliata esistenza. Ma parliamo del libro che nasce spin off della serie. A quale pubblico secondo lei è destinata la lettura di questo romanzo?
” È un’ottima lettura per chi cerca una storia diversa dalle altre, avvincente, ricca di colpi di scena: vari misteri si rivelano volta per volta, i segreti si dipanano progressivamente, di pari passo alle vicende personali dei protagonisti, che si raccontano al lettore capitolo per capitolo, 11 giornate in successione: situazioni familiari che si svelano lentamente e che spesso giustificano condizioni di vita difficili. Il romanzo è ambientato ai giorni nostri e per questo motivo può appassionare gente di tutte le età: i personaggi sono inseriti in un contesto periferico studiato nei dettagli, dall’abbigliamento alla moda giovanile di oggi, al linguaggio, proprio dei ragazzi emarginati delle nostre metropoli.

Chi sono i protagonisti oltre a RA?
“La trama si concentra sulle azioni di tre adolescenti, in apparenza, male assortiti tra loro e l’uso di un linguaggio enfatico mischia tecnicismi informatici ed espressioni gergali della strada. I loro malinconici volti appaiono illuminati da una luce crepuscolare, di tanto in tanto squarciata da accecanti strali premonitori di un “fin de siècle” poco rassicurante. Nessuno dei personaggi pensa che cosa ne sarà della loro vita e cosa li aspetterà nel futuro. Non c’è un’idea, un progetto, un’utopia. C’è solo la consapevolezza di essere vivi e di ancora poter respirare a pieni polmoni, mentre si vaga sulla terra degli adulti, un mondo dal quale ci si allontana con disillusione, abbandonando qualsiasi tentativo d’integrazione”. 
Chi è Maurizio Morucci? 

“Sono nato a Roma 50 anni fa e questo è il mio esordio letterario. Film-maker, artista visivo, sceneggiatore con un particolare occhio alla cultura pop, mi dedico alla progettazione grafica e alle immagini in movimento. Grazie per l’intervista!”.
THE WIZARD OF RA v/s Artificial Intelligence di Maurizio Morucci Pagg.144 -€ 15,00 / Isbn: 9788864023892 – Edizioni Croce – RomaDistribuzione: Messaggerie Libri

le immagini del libro sono di Emanuele Barilla

Author: wp_4992499

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *