Dal 20 al 30 giugno Euganea Film Festival – 18a edizione

Share Button

Euganea Film Festival – 18a edizione

Dal 20 al 30 giugno 2019 | Colli Euganei, Padova

 

In partenza sui Colli Euganei la diciottesima edizione di Euganea Film Festival

Per immagini in HD: http://bit.ly/EFFestival2019

 

Per il diciottesimo anno consecutivo torna Euganea Film Festival, la manifestazione itinerante tra i comuni del Parco Regionale dei Colli Euganei che porta il cinema nei luoghi più suggestivi e incantevoli del territorio.
Euganea Film Festival è un’iniziativa organizzata da Euganea Movie Movement con l’obiettivo di dare forma concreta alle tante sinergie artistiche legate ai Colli Euganei ed è nato con la volontà di diffondere la cultura cinematografica e ridare vita a località poco valorizzate. Ne corso degli anni il pubblico è cresciuto ed è stato rilanciato un territorio che sulla scia del Festival è diventato sede di molte altre manifestazioni culturali.

Sono state oltre 1600 le opere che hanno partecipato al Bando di Concorso, indetto da Euganea Movie Movement, e che ha visto partecipare film di ogni genere e durata provenienti da tutto il mondo. La giuria di Euganea Movie Movement ne ha selezionati complessivamente 57 tra documentaricortometraggi di fiction, cortometraggi di animazione ed esperienze virtuali, che andranno a concorrere nelle rispettivesezioni competitive.

In aggiunta alle storiche sezioni, la novità dell’edizione 2019 è Euganea VR, una sezione interamente dedicata ad esperienze di realtà virtuale grazie all’incontro, alla collaborazione e alla sinergia con Uqido,una software house nata nel 2010 dal forte carattere innovativo che opera nel campo del software development, dell’intelligenza artificiale, dell’IoT, della virtual e dell’augmented reality. Grazie all’expertise del team di Uqido, Euganea Film Festival si apre ai nuovi linguaggi che il cinema già da qualche tempo sta esplorando e si pone tra i primi festival in Italia con una sezione competitiva dedicata alla realtà virtuale.

Dal 20 al 30 giugno, i paesi e le città dove farà tappa il Festival sono Monselice, Este, Due Carrare eMontegrotto Terme. Le proiezioni e gli eventi, come da tradizione, trovano spazio nelle ville e nei castelli del territorio, che per una sera diventeranno contenitori e promotori di cultura cinematografica, alternando si alterneranno filmincontrilaboratori, spettacoli e degustazioni.

 

L’apertura, a Villa Pisani di Monselice sarà dedicata al cinema veneto con la proiezione di tre cortometraggi realizzati da registi del territorio, ai quali seguirà lo spettacolo Visioni venete o la profondità dei campi a cura dei Fratelli Dalla Via con Diego Dalla Via.

L’ultima sera del Festival, domenica 30 giugno, si svolgerà a Villa Duodo di Monselice e ospiterà l’evento di chiusura di ArtVision+, progetto promosso dalla Regione del Veneto, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e finanziato dal Programma europeo Interreg Italia-Croazia. Andrà in scena Storie Euganee: Uomini e Cinghiali, uno spettacolo teatrale, un concerto, una performance tra immagini, musica e parole per raccontare i veneti di oggi e di ieri, tra cinghiali, storie nere e antiche fughe da Troia. Con la voce e i testi di Andrea Pennacchi, la visual art interattiva di Igor Imhoff, la musica di Alen e Nenad Sinkauz (ex East Rodeo).

Prende il via in questa edizione, una collaborazione con Slow Food che organizzerà un ciclo didegustazioni dei prodotti agroalimentari e vinicoli dei Colli Euganei e della Bassa.

Il Festival è realizzato con il sostegno di Crédit Agricole FriulAdria, con il contributo dei Comuni diMonselice, Este e Montegrotto Terme e della Provincia di Padova – Rete Eventi.

 

 

PROGRAMMA

 

► 20 GIUGNO: MONSELICE La Cerimonia di inaugurazione della diciottesima edizione di Euganea Film Festival avrà luogo nella sede dell’associazione Euganea Movie Movement: Villa Pisani di Monselice, la suntuosa dimora che Francesco Pisani fece erigere nel 1500. La serata prenderà il via alle ore 20.00 con l’apertura della sezione Euganea VR. Le sale affrescate della villa ospiteranno le opere in realtà virtuale, la tecnologia del futuro che porta lo spettatore ad immergersi in un nuovo contesto narrativo.  Il pubblico potrà immergersi nel magico mondo del Cirque du Soleil con Through the Mask of Luzia dei registi François Blouin, Paul Raphael e Félix Lajeunesse, per poi tuffarsi nel profondo blu con il free driver William Trubridge protagonista di Dolphin Man di Benoît Lichté, fino vivere con Borderline di Assaf Maches la tensione e l’incertezza che attraversano un giovane soldato israeliano nel bel mezzo del desertoL’esperienza VR Zero Days di Yasmin Elayat cala lo spettatore nel mondo invisibile dei virus informatici e ne L’île des morts di Benjamin Nuel, l’opera omonima dipinta nel 1883 dal simbolista Arnold Böckli diventa la scenografia dell’esperienza. Tra le VR c’è anche una produzione italiana: Dreams of Blue della regista Valentina Paggiarin, fondatrice di Hive Division, con il suo lavoro esploriamo la mente di un’IA che diventa autocosciente e che riflette sul significato della vita. Per tutta la serata sarà presente Slow Food con il format Degustando i Colli e la Bassa, un viaggio tra i sapori e i prodotti del territorio. L’inaugurazione del Festival vede protagonista anche il cinema veneto, da sempre sostenuto e promosso da Euganea, con la proiezione alle ore 21.30 di tre cortometraggi realizzati da tre registi veneti: Manica a vento di Emilia Mazzacurati (2019), L’estremo saluto di Mariachiara Manci (2018) e Hoa, storia di una guaritrice di Marco Zuin (2018). Durante le proiezioni saranno presenti i registi. A seguire lo spettacolo teatrale Visioni Venete o la profondità dei campi, un’antologia teatrale con Diego Dalla Via a cura di Fratelli Dalla Via, che ci offrono un’esplorazione panoramica del territorio veneto, una variegata galleria di ambienti, situazioni e personaggi. Con la loro ottica ironica e disincantata terranno assieme odio e amore, riso e pianto, invitandoci a esplorare la profondità dei nostri campi. “Guardando a questa nostra terra è impossibile non coglierne paradossi e contraddizioni. La complessità del presente ci obbliga a una visione grandangolare per cercare di non lasciare nulla fuori fuoco e fuori campo. Nella stessa inquadratura troviamo l’antica terra contadina e le distese di capannoni industriali, l’orizzonte paradisiaco del miracolo nord-est e lo sfondo infernale di una fame mai dimenticata. Il Veneto è una regione che esporta come una nazione ma che si ostina a ragionare per province, a pensare l’universo per campanili

Giovedì 20 giugno, alle ore 15.30 Villa Pisani, si svolgerà il workshop gratuito Le sfide dello sviluppatore di realtà virtuale, a cura di Uqido. Cosa significa sviluppare esperienze immersive e interattive al giorno d’oggi? I partecipanti vedranno come si svolge il lavoro dietro alla creazione di un’esperienza di realtà virtuale, dall’idea iniziale alla produzione del software che permette la fruizione dei contenuti tramite i visori. Indagheranno temi come lo storytelling, la grafica 3D low-poly, l’audio spazializzato e tantissimi altri ingredienti che danno vita ai contenuti di un media ancora tutto da esplorare. Grazie al suo team (40 tra dipendenti e collaboratori), Uqido punta non solo allo sviluppo di software e soluzioni innovative, ma anche a diventare punto di riferimento culturale per il mondo delle nuove tecnologie grazie a iniziative periodiche e a eventi internazionali.

► 21, 22, 23 GIUGNO: ESTE Prenderanno il via la sera di venerdì 21 giugno i tradizionali tre giorni che il Festival dedica al cinema d’animazione, curati dalla regista Francesca Ferrario. Un fitto programma di proiezioni di film di animazione e un laboratorio organizzato dalla libreria per ragazzi Pel di Carota di Padova. Le tre serate prevedono anche uno Spazio Kids, un intrattenimento per i più piccoli e allo stesso tempo un’opportunità per le famiglie di fruire delle proiezioni. Letture e giochi per bambini dai 3 anni in su che si svolgeranno in contemporanea alle proiezioni, un’attività dedicata ai più piccoli per avvicinarli alla lettura degli albi illustrati.

Sarà la splendida Barchessa di Villa Vigna Contarena a ospitare venerdì 21 giugno la seconda giornata di Euganea. Uno splendido edificio in stile neoclassico, che si trova in pieno centro ma con un giardino capace di avvolgere il visitatore in un’atmosfera unica e magica.

La serata comincerà a partire dalle ore 21.30 con la presentazione del progetto Anima e Talento, realizzato dagli studenti dell’IIS Euganeo grazie al bando del piano nazionale “Cinema per la scuola”. Un progetto, al quale ha partecipato anche Euganea Movie Movement e che aveva come obiettivo la realizzazione di un cortometraggio in stop-motion.

A seguire la proiezione di Mani rosse (2018), uno spettacolare mediometraggio animato in stop-motion e animazione 2D del regista bolognese Francesco Filippi. L’autore ha pensato di confezionare un prodotto, con il supporto Rai e Media, proprio per quella fascia di età – gli adolescenti – che, dopo essersi cibata quasi esclusivamente di animazione per tutta l’infanzia, d’improvviso non ne guarda più. La ragione è che ciò che viene proposto in tv e anche al cinema è decisamente pensato per i bambini più piccoli. Il mediometraggio di Filippi, in programma all’apertura del weekend dedicato all’animazione, racconta in stop-motion e disegni animati, la storia dell’incontro tra due adolescenti, ciascuno dei due isolato e con un disperato bisogno di aiuto e di dialogo con persone della sua età. A tratti duro, e a tratti poetico, il film ha già ricevuto numerosi premi nel circuito dei festival mondiali ed è stato accolto con grande favore proprio dal pubblico per cui era stato pensato: gli adolescenti.

Al termine della proiezione si alterneranno le proiezioni dei film di animazione in concorso provenienti da tutto il mondo.

Ogni anno all’interno del Festival si cerca di valorizzare quell’animazione d’eccellenza che non ha la fortuna di usufruire di una potente distribuzione. Per questo, nel weekend, Euganea proporrà anche un omaggio al maestro dell’animazione francese Michel Ocelot. Il regista da molti anni riesce a produrre lungometraggi curatissimi esteticamente e pieni di fascino, che di solito si rifanno a fiabe e storie. Il suo lungometraggio più famoso, Kirikù e la strega Karabà (1999) assolutamente delizioso nella storia e nel design, (in programmazione a Este sabato sera) ha però trovato problemi nella distribuzione in tv in quei paesi più conservatori (come Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania) dove la nudità, anche se perfettamente innocente, si temeva che potesse generare proteste da parte dei genitori, a dispetto del visto di censura “adatto a tutte le età”. In programmazione quest’anno anche un altro capolavoro dell’artista: Azur e Asmar(2006) un racconto medioevale di prìncipi e fate calato nell’interessante punto di vista dell’Europeo in Nord Africa. Come gran finale la domenica sera verrà proiettato il suo ultimo film, appena uscito nelle sale italiane: Dililì a Parigi (2018) storia di una ragazzina di provenienza esotica (viene dalle isole del Pacifico) giunta a Parigi alla fine dell’Ottocento.

Sabato 22 giugno alle ore 17.00 al Teatro dei Filodrammatici oltre ai film di Michel Ocelot ci saranno le proiezioni dei film in concorso e alle ore 17.30 presso i Giardini del Castello, si terrà il laboratorio Parigi in una lampada, una lettura/laboratorio gratuita e curata dalla Libreria Pel di Carota.

Alle 21.30 il Festival si sposterà al Chiostro S. Maria delle Consolazioni, un tempo adibito a monastero, ospita oggi la sede della Fondazione Accademia dell’Artigianato. Dalle 20.00 alle 24.00, nelle sale interne del Chiostro sarà possibile accedere alle postazioni per la visione delle opere che competono al Concorso Internazionale Euganea Virtual Reality. Dalle 20.30 sarà disponibile anche assaggiare i prodotti del territorio con Degustando i Colli e la Bassa curato da Slow Food.  La serata inizia ufficialmente alle ore 21.30 con la proiezione dei film in concorso, tra questi Coscienza pulita (2018) presentato dalla registaFederica De Toni, per terminare con la proiezione di Kirikù e gli animali selvaggi (2005) di Michel Ocelot.

La giornata di domenica 23 giugno inizia alle ore 17.00 al Teatro dei Filodrammatici con le proiezioni dialcuni brevi corti animati iscritti alla sezione competitiva del Festival ai quali seguirà la proiezione di un altro film di Michel Ocelot, Azur e Asmar: La storia di due bambini di origine diversa: Azur di provenienza europea mentre Asmar è arabo, però entrambi sono cresciuti dalla stessa nutrice, che insegna all’uno la lingua dell’altro e viceversa. Il destino separa i due fanciulli, ma la fede nel loro sogno farà in modo di riunirli.

Domenica 23 giugno, infine, il Festival si congederà dalla città di Este con la proiezione di un film in Piazza Maggiore: Dilili a Parigi (2018) di Michel Ocelot. Le coloratissime ballerine del Moulin Rouge, gli artisti Degas e Toulouse – Lautrec, le straordinarie scoperte scientifiche di Marie Curie e Louis Pasteur, gli spettacoli di Sarah Bernhard e Colette, la musica di Debussy e il cinema di Georges Méliès e dei fratelli Lumière tutto questo e molto altro nella Parigi della Belle Époque.

► 25 GIUGNO: MONSELICE E DUE CARRARE

La seconda settimana di Festival prenderà il via il 25 giugno a Villa Pisani di Monselice. Si inizia il pomeriggio alle 15.30 con il workshop Cinema e Turismo tra marketing e produzione culturale. Qual è il rapporto tra il linguaggio audiovisivo (video e cinematografico) e la promozione di una specifica destinazione territoriale? Quali influenze reciproche si attivano tra l’autonomia creativa degli autori e le diverse esigenze del marketing territoriale? A indagare le tante e complesse connessioni tra cinema e turismo saranno Giulia Lavarone, docente di Cinema e Turismo all’Università di Padova, Fabrizio Panozzo, docente di management culturale all’Università Ca’ Foscari e il regista Marco Segato (La pelle dell’orso). Un workshop aperto a tutti e rivolto ai professionisti che si occupano di promozione, turismo e cultura.
Ingresso gratuito, info e prenotazioni: info@euganeafilmfestival.it – 04297 4309. Alle ore 18.00 sempre aVilla Pisani, ci sarà la Video Competition ArTVision+. Un concorso transfrontaliero riservato ai video realizzati da artisti italiani e croati selezionati e prodotti dai partner del Progetto ArTVision+, che mirano alla promozione attraverso il “prisma della cultura” di alcune delle destinazioni meno conosciute presenti nelle regioni italiane (Veneto e Puglia) e croate (Litoraneo-montana e Spalatino-dalmata) che costituiscono il partenariato di progetto ArTVIsion+.  Il workshop e la video competition fanno parte del progetto ArTVision+, un progetto promosso dalla Regione del Veneto, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e finanziato dal Programma europeo Interreg Italia-Croazia

Alla sera ritornano le proiezioni dei film in concorso presso La Mincana di Due Carrare, una villa veneta del ‘500, ristrutturata nella prima metà del XVIII in stile palladiano, prima delle proiezioni sarà possibile partecipare ad una visita guidata dello spazio.  Si inizia con la proiezione del cortometraggio Skin(Concorso Internazionale Cortometraggi di Fictiondi Guy Nattiv, Oscar 2019 come Miglior Cortometraggio di Fiction, capace di descrivere in pochi minuti il clima di razzismo che pervade la provincia americana e si conclude con il documentario El cuarto reino (Concorso Internazionale Lungometraggi Documentari) di Alex Lora e Adan Aliaga, che racconta la quotidianità di un centro di raccolta rifiuti nella periferia di New York, dove immigrati clandestini e persone svantaggiate con un trascorso difficile condividono la delusione verso il Sogno Americano.  Accompagna la serata: Degustando i Colli e la Bassa, le degustazioni a cura di Slow Food.

► 26 GIUGNO: MONTEGROTTO TERME Il 26 giugno il Festival si sposterà a Montegrotto Terme a Villa Draghi, splendida costruzione dallo stile neogotico e dal grande parco, che sorge isolata sulle pendici del Monte Alto. A partire dalle ore 20.30 la grande terrazza della villa ospiterà Degustando i Colli e la Bassa a cura di Slow Food. All’interno della villa sarà allestito uno spazio per la sezione dedicata al Concorso Internazionale Euganea VR, la modernità incontra l’antico e immerge lo spettatore nel fantastico mondo della realtà virtuale.  Le altre proiezioni prenderanno invece il via alle ore 21.30 con i cortometraggi Train Hopper di Amèlie Hardy (Concorso Internazionale Cortometraggi di Fiction), il racconto di un ragazzo che attraversa l’America saltando da un treno merci all’altro e Dancing for You (Concorso Internazionale Cortometraggi Documentari) di Katarzyna Lesisz che ha per protagonista il dodicenne Wiktor, allievo di una rinomata scuola di ballo. A seguire il documentario Il clan dei ricciai (Concorso Internazionale Lungometraggi Documentari) di Pietro Mereu, un film che racconta la storia di un gruppo di pescatori di Cagliari che hanno avuto problemi con la giustizia. Il boss di questo clan è Gesuino Banchero, disposto a dare un’altra occasione a questi uomini, offrendogli la possibilità di condurre la propria vita in modo onesto e aiutandoli ad integrarsi nuovamente nella comunità.

 

► 27 GIUGNO: TORREGLIA

La scenografica Villa dei Vescovi, una delle più belle ed eleganti ville di epoca rinascimentale di tutto il territorio padovano, sarà la cornice per la consegna del Premio Crédit Agricole FriulAdria – Parco Colli Euganei. Dalle 21.00 sarà possibile degustare i vini della storica azienda dei Colli Euganei Ca’ Lustra e in contemporanea all’interno della villa, sarà possibile calarsi nella realtà virtuale e vedere le opere in concorso al Festival dell’apposita sezione all’interno della villa. La serata prevede inoltre la presenza di Valentina Paggiarin, un’occasione per conoscere la regista dell’opera in concorso Euganea VR Dreams of Blue.

Alle 21.30 Stefano Liberti e Enrico Parenti, registi di Soyalism riceveranno il Premio Crédit Agricole FriulAdria – Parco Colli Euganei. Stefano Liberti, ospite speciale della serata, riceverà il riconoscimento per un film che racconta come la produzione dei beni alimentari sia diventato un enorme business per una manciata di poche gigantesche aziende. A partire dai mega-allevamenti intensivi in Cina fino alla foresta amazzonica minacciata dalle coltivazioni di soia sviluppate per nutrire animali confinati in capannoni dall’altra parte del mondo, questo processo sta pregiudicando gli equilibri sociali e ambientali del pianeta.

 

► 28-29-30 GIUGNO: MONSELICE

Sarà la città di Monselice a ospitare, come da tradizione, gli ultimi giorni di Festival.

La serata di venerdì 28 giugno avrà luogo a Villa Pisani dove, a partire dalle ore 21.30, verranno presentati i cortometraggi Wonder Women IFilm, realizzati dagli studenti dell’IIS Cattaneo – Mattei e IIS Kennedy con la collaborazione di Euganea Movie Movement, grazie al bando del piano nazionale “Cinema per la scuola”. A seguire prenderà il via un fitto programma di cortometraggi in concorso a cui seguirà il documentario Monsieur Kubota (Concorso Internazionale Lungometraggi Documentari) di Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti, il film racconta la storia del signor Kubota, che da tempo studia una medusa immortale, con l’obiettivo di scoprire come l’uomo possa vivere per sempre. Saranno presenti entrambi i registi alla proiezione del film.

La cerimonia di premiazione della diciottesima edizione di Euganea Film Festival avrà luogo a Villa Pisani, sabato 29 giugno alle ore 21.30. Durante la cerimonia verranno consegnati il Premio Miglior Lungometraggio Documentario, Premio Miglior Cortometraggio Documentario, il Premio Miglior Cortometraggio di Fiction, il Premio Miglior Cortometraggio di Animazione, Premio Miglior Cortometraggio di Animazione “Piccola Euganea”, Premio Miglior Film Euganea VR e il Premio Veneto Film Network a Giorni di Pasqua di Luca Renucci, per la migliore opera realizzata da un regista veneto. Il film racconta di due anziani che vivono la propria routine in silenzio, non uscendo mai di casa. Una calma sconvolta dalla visita della famiglia in occasione del pranzo di Pasqua.

Domenica 30 giugno, si terrà a Villa Pisani dalle ore 10.30 alle 13.00, il workshop gratuito Animazione interattiva con l’artista Igor Imhoff. L’animazione digitale è presente oggi in molte pratiche culturali. Il workshop sarà dedicato alla gestione e costruzione di contenuti audiovisivi da abbinare a performance musicali e teatrali. Si affronteranno le tecniche di montaggio video dal vivo e la creazione dell’interazione diretta tra le varie forme espressive che compongono uno spettacolo.

Domenica pomeriggio dalle 17.00 alle 19.00, le sale della villa ospiteranno le postazioni per la visione delle esperienze del Concorso Internazionale Euganea Virtual Reality.

La chiusura del Festival sarà alle ore 21.30 a Villa Duodo, con Storie Euganee: uomini e cinghiali, uno spettacolo teatrale, un concerto, una performance tra immagini, musica e parole per raccontare i veneti di oggi e di ieri, tra cinghiali, storie nere e antiche fughe da Troia. Con la voce e i testi di Andrea Pennacchi, la visual art interattiva di Igor Imhoff, la musica di Alen e Nenad Sinkauz (ex East Rodeo).
L’evento è ad ingresso gratuito e sarà accompagnato dalla degustazione di vini e a cura della Strada Del Vino. In caso di pioggia l’evento sarà spostato al Complesso Monumentale San Paolo.

 

Il workshop Animazione Interattiva e Storie Euganee: uomini e cinghiali fanno parte del progetto ArTVision+,progetto promosso dalla Regione del Veneto, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e finanziato dal Programma europeo Interreg Italia-Croazia.

Il programma di sabato 29 (Concorso Internazionale Cortometraggi di Fiction e Lungometraggi Documentari) e domenica 30 (Concorso Internazionale Euganea VR) prevede inoltre alcune proiezioni pomeridiane, che si terranno presso Villa Pisani di Monselice a partire dalle ore 17.00.

► WORKSHOP

Il Festival propone quattro laboratori:

Giovedì 20 giugno – Villa Pisani ore 15.30-18.30 LE SIFDE DELLO SVILUPPATORE DI REALTà VIRTUALE a cura di Uqido. Cosa significa sviluppare esperienze immersive e interattive al giorno d’oggi? Vedremo come si svolge il lavoro dietro alla creazione di un’esperienza di realtà virtuale, dall’idea iniziale alla produzione del software che permette la fruizione dei contenuti tramite i visori. S’indagheranno temi come lo storytelling, la grafica 3D low-poly, l’audio spazializzato e tantissimi altri ingredienti che danno vita ai contenuti di un media ancora tutto da esplorare. Gratuito, prenotazione obbligatoria:info@euganeafilmfestival.it 042974309

Uqido è una software house nata nel 2010 dal forte carattere innovativo che opera nel campo del software development, dell’intelligenza artificiale, dell’IoT, della virtual e dell’augmented reality. Grazie al suo team (40 tra dipendenti e collaboratori), Uqido punta non solo allo sviluppo di software e soluzioni innovative, ma anche a diventare punto di riferimento culturale per il mondo delle nuove tecnologie grazie a iniziative periodiche e a eventi internazionali. Tre progetti emblematici da questo punto di vista sono: l’European Immersive Computing Summit (EICS), che nel 2019 vedrà la sua seconda edizione a Venezia, Uqido Talks About, incontri settimanali di approfondimento su tematiche legate al mondo della tecnologia, Academy of Immersive Technologies ovvero un corso di formazione intensivo per plasmare gli sviluppatori di tecnologie immersive di domani.

Sabato 22 giugno – Giardini di Este ore 17.30

PARIGI IN UNA LAMPADA a cura della libreria Pel di carota. Passeggiando per la “Ville Lumière” insieme a Linnea ed altri personaggi della letteratura illustrata. Lettura/laboratorio gratuito per piccoli e grandi (adulti compresi) dai 5 ai 99 anni. A cura della libreria Pel di carota di Padova.  Gratuito, prenotazione obbligatoria: info@euganeafilmfestival.it 042974309

Martedì 25 giugno – Villa Pisani (Monselice) ore 15.30-18.00

CINEMA E TURISMO TRA MARKETING E PRODUZIONE CULTURALE Qual è il rapporto tra il linguaggio audiovisivo (video e cinematografico) e la promozione di una specifica destinazione territoriale? Quali influenze reciproche si attivano tra l’autonomia creativa degli autori e le diverse esigenze del marketing territoriale? A indagare le tante e complesse connessioni tra cinema e turismo saranno Giulia Lavarone, docente di Cinema e Turismo all’Università di Padova, Fabrizio Panozzo, docente di management culturale all’Università Ca’ Foscari e il regista Marco Segato (La pelle dell’orso). Gratuito, prenotazione obbligatoria:info@euganeafilmfestival.it 042974309

Il workshop fa parte di ArTVision+, progetto promosso dalla Regione del Veneto, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e finanziato dal Programma europeo Interreg Italia-Croazia.

Domenica 30 giugno – Villa Pisani (Monselice) ore 10.30- 13.00

ANIMAZIONE INTERATTIVA con l’artista Igor Imhoff.

L’animazione digitale rappresenta un mondo variegato che oramai riguarda molti aspetti delle attività professionali e culturali. Nello specifico l’incontro sarà dedicato alla gestione e costruzione di contenuti audiovisivi da abbinare a performance musicali e o teatrali. Si affronteranno così le tematiche legate al montaggio video dal vivo, alla gestione in tempo reale dei flussi mediali e infine progettare, tramite appositi strumenti, gli aspetti di interazione diretta tra le varie forme espressive che comporranno uno spettacolo.
Gratuito, prenotazione obbligatoria: info@euganeafilmfestival.it 042974309

Il workshop fa parte di ArTVision+, progetto promosso dalla Regione del Veneto, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e finanziato dal Programma europeo Interreg Italia-Croazia

Per informazioni:

www.euganeafilmfestival.it

info@euganeafilmfestival.it

0429 74309

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *