Da mercoledì sera “Non è la D’Urso” stravince e batte la Rai

Share Button

Da mercoledì sera “Non è la D’Urso”. En plein dei suoi programmi,  Rai battuta  inesorabilmente.

(toto torri)

Il jolly  piglia tutto è  Barbara D’Urso, jolly di una tv commerciale che stravince  inesorabilmente tutti i pomeriggi, a discapito della Rai, la tv di Stato che a noi cittadini impone un canone annuo, una vera tassa rigorosa e impegnativa.

Il jolly  è piccolo, ma convincente e da napoletana verace ha capito tutto e stravince. Lei è Barbara D’Urso, per il popolo è “Ciao Barbara”, una di loro, confidenziale,  ascolta dà voce a tutti, ai deboli, ai gay bistrattati,ma noi non siamo razzisti…ad  anonimi con difficoltà economiche, alla vecchina che il Comune sfratta e non sa dove andare, ai disgraziati rapinati,  grande lotta al femminicidio, sputtana una gran parte di preti  pedofili, punta alla cronaca spicciola della gente indifesa, è la   loro voce e speranza.  Si appella alle istituzioni , alla carrozzina del disabile,che non entra  nell’ascensore., ai clochard ai leader politici che si prenotano per  essere ricevuti nel suo salotto.  Barbara, non è un corazziere, ma è sorridente, fascinosa, bellissime  gambe e lo sa, 61 anni che  non le hanno sfiorato  minimamente la pelle,  si mangia le sue colleghe anche più giovani, è sexy e ne è consapevole, sgambetta,  corre nello studio,  mette tutti a  proprio agio , apre con il caffeuccio, la Moka,  la creaturella, prende a cuore ogni  problema, ci fa o c’è, ma comunque è efficace è brava , pollice verso medici che sbagliano  interventi,   ladroni che passano per pseudo  chirurghi estetici  e rovinano una  ignara giovane,  da sola  innesca cruenti battaglie, vedi la lotta al femminicidio, al suo divano del gossip, a volte ci si chiede chi sono costoro  e invece i sui programmi, per la prima volta, hanno un uditorio del 15 per cento di giovani dai 14 ai 20 anni. Diritta per la sua strada, se ne frega di certa critica intellettuale che almeno da principio la massacrava, ora ha smesso, visto i risultati negli ascolti e il suo tipo di pubblico. Pier Silvio Berlusconi lo sa  e a breve  “Il grande fratello”,  sarò affidato di nuovo alla sua conduzione. Tutto ciò sta a significare  pubblicità e soldoni cash. Si può storcere il naso ai suoi programmi, al suo modo di comunicare, ma rende molto, in fondo   la sua tv abbraccia tutto ed è umanitaria per i poveri bisognosi, che sono tantissimi.

toto torri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *