“In guerra” un film che ti prende e ti avvolge senza interruzioni

Share Button

di Roberto Valentini

Si può essere anche prevenuti nell’affrontare un film dove per due ore si parla solo di lotte sindacali. Anche perché  guardando i notiziari Tv se ne parla per pochi secondi e non se ne riesce a comprendere  bene la vera posta in gioco e subito dopo “ voltiamo pagina” e si cambia argomento. Ma sin dalle prime battute e per tutta la durata del film, invece,  In Guerra, ti prende e ti avvolge senza pause né interruzioni. Per aumentare i loro profitti i dirigenti di una multinazionale decidono di chiudere la fabbrica e mettere sul lastrico i mille e più dipendenti. Di qui la reazione ferma e a volte violenta  di chi, di punto in bianco ,perde il proprio  lavore e il proprio sostentamento .  A rappresentarli il loro portavoce  interpretato  da un bravissimo Vincent Lindon.  Non è fiction ma è film verità. Le assemblee  con chi vuole andare avanti nella lotta e chi vuole invece patteggiare, le trattative serrate,una dirigenza che non indietreggia di un passo, la mediazione del governo, la rabbia e la frustrazione di chi lotta  contro chi non sente ragioni e la sproporzione colossale tra le due forze in campo. C’ è tutto. E anche per lo spettatore cresce la tensione emotiva che dà forza al film . Eccezionale la prova  dell’ attore francese che è saputo passare, in tantissime pellicole, dalla commedia al dramma.  Unico attore attorniato da decine di non professionisti che incarnano la verità del loro vissuto nel mondo del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *