Sting autore del main theme song di “Giudizio Universale

Share Button

Sting autore del main theme song di “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel”, per  la prima volta all’Auditorium Conciliazione per assistere allo show

 

«Circa tre anni fa, in Toscana, i produttori ed il team creativo mi hanno chiesto se volessi scrivere qualcosa per questo importante progetto. Ne sono stato attratto, perché ho visto diverse volte la Cappella Sistina, ma senza mai comprenderla nella sua completezza, essendo così grande. Guardando lo spettacolo stanotte, sono grato di esservi stato coinvolto, poiché mi sono immerso nella complessità e nello straordinario genio della visione di Michelangelo, molto più di quanto non mi fosse successo andando a visitare la Cappella Sistina». Questo è quello che ha affermato Sting dopo aver assistito il 27 luglio 2018 a “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel”, il primo spettacolo residente italiano, in scena all’Auditorium Conciliazione, che ha per protagonista assoluta una delle opere d’arte più amate e conosciute al mondo: la Cappella Sistina.  

 

Sting ha per la prima volta assistito allo show (gli impegni legati alle registrazioni del nuovo album con Shaggy 44/876 non gli avevano permesso di essere presente alla prima), dopo aver dato in più fasi il suo contributo artistico al processo di creazione di “Giudizio Universale”.

La sua versione del “Dies Irae”, infatti, è uno dei tasselli più importanti dell’inedito mosaico di linguaggi artistici che caratterizza il live show ideato da Marco Balich. Il “Dies Irae” firmato Sting (e registrato a Londra presso gli storici Abbey Road Studios) è il tema principale dello spettacolo, e accompagna l’emozionante finale in cui il pubblico si ritrova completamente immerso nelle meraviglie della Cappella Sistina:  È stato un privilegio vedere così da vicino la storia di quest’opera, di come è stata commissionata, la complessità dell’uomo. Mi ha fatto sentire molto orgoglioso di essere un essere umano in molti modi, perché siamo gli unici esseri nell’universo che possono creare immagini. Siamo gli unici esseri che possono raccontare storie. Siamo anche gli unici esseri che fanno domande su cosa sia “questo”. Quindi, ovviamente, abbiamo più domande che risposte, ma è molto importante. Ero pieno di ispirazione stasera e ho adorato questo show. Penso che sia un ottimo strumento didattico, dopo un’ora di questo spettacolo, una visita alla Cappella Sistina sarà un’esperienza molto più ricca. Sono felice di essere qui”.

 

“Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel”, ideato da Marco Balich e realizzato da Artainment Worldwide Shows con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani, è l’innovativo spettacolo immersivo sulla genesi del capolavoro Michelangiolesco che ha già appassionato più di 130.000 spettatori. Accompagnati dalle voci di Pierfrancesco Favino e Susan Sarandon, e da una colonna sonora d’eccezione, nella quale al tema principale di Sting si affiancano le musiche di John Metcalfe,  gli spettatori vengono guidati alla scoperta della genesi della straordinaria Cappella Sistina.

 

Lo spettacolo ha segnato la nascita di “ARTAINMENT®”, ovvero un nuovo genere che mette in connessione il fascino e la bellezza delle più grandi opere d’Arte con i codici emozionali e coinvolgenti dell’intrattenimento dal vivo: da un lato l’azione fisica della performance teatrale incontra la magia immateriale degli effetti speciali, dall’altro la tecnologia più avanzata si mette al servizio di un racconto per parole e immagini mai visto prima. L’immersività delle proiezioni a 270° porta lo spettatore al centro stesso dell’evento.

 

Un’esperienza estetica ed emotiva completamente nuova che ha conquistato il pubblico: lo spettacolo – unico show residente in Italia – con la sua imponente caratura internazionale è diventato in poco tempo un riferimento imperdibile per decine di migliaia di spettatori locali e di turisti che visitano Roma, sia italiani (il 38%) sia internazionali, con spettatori provenienti da Francia, Spagna, Inghilterra, Germania, Svizzera, Usa, Sud America e dall’Asia.

 

Artainment Worldwide Shows (AWS) è stata fondata nel 2016 all’interno di WSCorp. Nel 2017, la società Overjoy, composta da professionisti italiani di primo piano, ha deciso di investire in AWS credendo nella mission di Artainment.

La roadmap di AWS prevede una seconda fase con il tour mondiale di “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel” ed una terza con nuovi spettacoli, applicando il codice e il linguaggio di Artainment© ad altri capolavori del patrimonio artistico e culturale mondiale.

 

www.giudiziouniversale.com

Facebook: @GiudizioUniversaleLoSpettacolo

https://www.facebook.com/GiudizioUniversaleLoSpettacolo/

Instagram: @giudiziouniversale_show

https://www.instagram.com/giudiziouniversale_show/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *