Alberto Pizzo presenta il suo ultimo album “Memories”: a Milano

Share Button

Sabato 25 febbraio, alle ore 21.00, all’interno dell’incontro “LA MUSICA NON HA GENERE” presso mare culturale urbano a Milano, (Via Giuseppe Gabetti, 15), il compositore e pianista napoletano ALBERTO PIZZO presenta il suo ultimo album “Memories”, e il libro “Il viaggio di Alberto Pizzo – Un piano segreto” scritto dal musicista Gianluca Fronda ed edito da Graus Editore. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

 

Durante l’incontro interverranno Alberto Pizzo, pianista, Roberta Beolchi, Direttrice Editoriale di Graus Editore, Lucia Monaco, Direttore Scientifico di Fondazione Telethon,Andrea Capaldi, ceo e cofondatore di mare culturale urbano.

Per l’occasione, il compositore eseguirà in piano solo alcuni brani contenuti nel suo nuovo disco.

La serata è organizzata in collaborazione con mare culturale urbano, Graus Editore, Yamaha ,Cinevox, Palco Reale.

Alberto Pizzo, raffinato pianista napoletano, ha lanciato il suo ultimo lavoro, Memories, lo scorso marzo 2016, prodotto da Sony Classical e realizzato presso gli Abbey Road Studio di Londra con la London Symphony Orchestra, fra le più prestigiose del mondo, diretta dal premio Oscar Luis Bacalov, co-direttore artistico e co-arrangiatore dell’album.

La tracklist del disco: Paris 2011 (A. Pizzo); My Secret (Yuki/A. Pizzo); Kronos (A. Pizzo/G. Fronda); Il viaggio dell’anima (A. Pizzo); After the Rain (A. Pizzo); Preludio n. 2 (F. Chopin/A. Pizzo); Miyabi (A. Pizzo); Valentine’s day (A. Pizzo); Nostalgia (A. Pizzo); Preludio n. 1 (F. Chopin/ A. Pizzo); Sonata K87 (D. Scarlatti/A. Pizzo); Concerto n. 5 BWV 1056 (J. S. Bach/A. Pizzo).

«Questo nuovo album ripercorre tutto il cammino artistico che ho fatto, da Bach alle mie composizioni, realizzate e custodite durante i viaggi, metafore dei momenti importanti dell’esistenza – racconta Alberto Pizzo – Quando lo ascolto è come se sfogliassi l’album musicale della mia vita, quella dedicata alla musica classica, alle mie radici e al mio mondo sonoro che, oggi, semplificando, qualcuno chiamerebbe ‘crossover’».

Gianluca Fronda ha seguito la storia di Alberto Pizzo, svelando tra le righe il suo “piano segreto” per il successo e sconfiggere le tante difficoltà che ogni artista incontra lungo la propria carriera. Ma quella che il lettore incontra è soprattutto la storia di un’amicizia, di un viaggio spirituale che Alberto Pizzo ha compiuto attraversando il Giappone e gli Stati Uniti negli ultimi anni della sua intensa carriera, trovando nell’amore per la musica la strada per l’emancipazione e l’affermazione del proprio talento.

“Il viaggio di Alberto Pizzo – Un piano segreto”, scritto dal musicista Gianluca Fronda, con la prefazione di Mel Gill, edito da Piero Graus, è dedicato alla memoria del piccolo Francesco Caputo, noto come Spiderciccio, e a quella di tutti i bambini in lotta contro le malattie rare, ed è promosso dalla Fondazione Telethon, che ha anche sostenuto la realizzazione del murales dello street artist Solo sui muri di Città della Scienza a Napoli.Alberto Pizzo, zio di un amico di Ciccio, ha scelto di destinare parte del ricavato delle vendite del libro alla stessa Fondazione Telethon, impegnata nella ricerca sulle malattie genetiche rare. Il libro è uscito nelle librerie a fine gennaio; di prossima uscita, le traduzioni in inglese e giapponese.

Alberto Pizzo è laureato in Pianoforte da Concerto (II livello) al Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, ha partecipato a vari concorsi pianistici nazionali ed internazionali, oltre ad essersi esibito su importanti palchi da Tokyo a New York. Nel 2012 pubblica il suo album d’esordio “Funambulist” (Cinevox Record) e nel 2013 dall’incontro con Fabrizio Sotti nasce il suo secondo album “On The Way” (Cinevox Record / Egea Music) ricco di collaborazioni importanti come Knopfler, Toquinho, Mino Cinelu, Martin Ditcham, Pete Shaw, Harry Bogdanovs, e di cui Sotti firma la produzione artistica. Nel 2014 si esibisce con oltre 40 concerti in Italia, Giappone e Stati Uniti, tra piano solo e importanti collaborazioni. Nel 2015 Alberto Pizzo è diventanto “Official Yamaha Artist”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *